BlogStoria Fotografia

Gli apparecchi fotografici strani del XIX secolo

fotocamera-camera-cp-stirn




Gli apparecchi fotografici strani del XIX secolo

La produzione e il commercio delle lastre secche più sensibili alla luce, alla fine del 1870, favorì la costruzione di fotocamere sempre più piccole. Durante il 1880, le videocamere progettate per essere utilizzate mentre si tenevano in mano divennero sempre più popolari.
Nel gennaio 1881, Thomas Bolas progettò per Scotland Yard un apparecchio fotografico simile ad una scatola di legno ed un altro a forma di libro.

Facile- Camera-1887-Jonathan Fallowfield
Facile Camera, 1887-Jonathan Fallowfield

Furono i due primi modelli delle cosiddette macchine per detective. I fabbricanti furono pronti ad assorbire l’idea e nel giro di pochi anni ebbe inizio la moda degli apparecchi fotografici mascherati sotto forma di pacchetti, cestelli da picnic, o bastoni Gladstone “un bastone da passeggio rivestito in pelle di coccodrillo di aspetto innocente”. Si trattava solitamente di apparecchi fotografici a magazzino da 1/4 di lastra, ma prima che gli apparecchi da detective degenerassero in giocattoli di poco valore, assunsero tal forma di binocolo da teatro. binocolo da campagna, rivoltelle, fucili, libri, orologi oppure vennero occultati in borsette, bastoni da passeggio. cappelli, cravatte o sotto il panciotto.

Fotocamera-tascabile-CP-Stirn-Western-Electric-Co-New York
Fotocamera tascabile di CP Stirn prodotta dalla Western Electric & Co-New York,1886

Gli obiettivi di questi apparecchi a buon mercato erano scadenti, l’immagine troppo piccola per poter essere di qualsiasi utilità, e come i loro predecessori delle camere oscure del XVIII secolo nascoste in bastoni da passeggio e nei libri, potevano difficilmente essere considerati apparecchi fotografici veri e propri. Mostrarono comunque una costante tendenza verso l’apparecchio in miniatura. che come strumento scientifico di precisione non arrivò che nel 1924.

Little-Nipper-No-11901-W-Butcher-&-Sons-London
Little Nipper No 11901 W. Butcher & SonsLondon

Per contrasto ai piccoli apparecchi fotografici degli anni intorno al 1890, Anderson di Chicago costruì nel 1900 l’apparecchio Mammoth che riprendeva immagini di circa 137 x 240 cm (oltre tre volte le dimensioni di quello dt Kibble) e che misurava 2,70 m di altezza per 1,80 m di larghezza x 6 m di lunghezza una volta aperto. Il peso dell’apparecchiatura era di 400 kg (630 kg col porta-lastra caricato).
Ciascuna lastra di vetro. che doveva naturalmente essere realizzata in maniera speciale e trattata in maniera pure speciale, costava 40 sterline. e la produzione di una c0pia costava dalle 6 alle 7 sterline. Per il Mammoth furono progettati due obiettivi speciali della Zeiss, un grandangolare di 165 cm ed un teleobiettivo Rapid Rectilinear di 300 cm di lunghezza focale. Ovviamente un apparecchio di quelle dimensioni richiedeva un mezzo speciale di trasporto: un carro ferroviario lungo 6 metri trainato da una locomotiva per le grandi distanze, ed un furgone per gli spostamenti in Chicago e dintorni. La ripresa fotografica richiedeva i servizi di 15 uomini, ed in media un’esposizione di 2,5 minuti. Per ogni fotografia occorrevano inoltre 20 litri di soluzioni di fissaggio e di sviluppo. Lo scopo dell’apparecchio fotografico era che la Chicago & Alton Railroad Co. Desiderava fotografie giganti per l’esposizione di Parigi del suo nuovo St. Louis Express De Luxe riprese in una volta sola anziché composte da parecchie viste.
Mentre le stranezze di progetto dei modelli fuori misura e sub standard scrivevano la loro storia molto divertente. la maggioranza dei fotografi amatori nel periodo dal 1880 al 1930 lavorava con apparecchi fotografici a mano o apparecchi tascabili quali si aggiunse nel 1910 il formato “vest pocket”.

Kodak-No-4-fotocamera-pieghevole-Modello-B-1906
Kodak No 4 fotocamera pieghevole Modello B, 1906

Praticamente tutti gli apparecchi fotografici erano realizzati in metallo leggero ricoperto con pelle nera ed erano del tipo a soffietto pieghevole.


youtubeinstagramflickr
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblr

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.